Farina di basalto

Farina di basalto

Quando ha iniziato ad essere utilizzata la farina di granito in orticoltura, gnejsu, porfiru, dolomite, marna e gesso, si sono interessati alla loro composizione chimica. Si trattava principalmente di marne e intonaci. La marna è resistente agli agenti atmosferici e arricchisce il terreno con calcio e magnesio, un cerotto, grazie al contenuto di zolfo, accelera il processo di alterazione degli agenti atmosferici e la conversione dei composti minerali nelle forme disponibili per le piante. Altre rocce, come il granito, łupek e gnejs, si aerano molto lentamente e nelle condizioni dell'Europa centrale creano suoli poco utili per l'orticoltura. Per comprendere meglio i vantaggi dell'utilizzo della farina di basalto, è bene essere consapevoli del processo di formazione rocciosa sulla Terra. Il fuoco e l'acqua hanno svolto un ruolo importante nei processi geologici. Entrambi questi fattori hanno agito in modo diverso e in tempi diversi, che costituiscono la base del nostro mondo di minerali. Basti ricordare i massicci strati di calcare, formata nel Giurassico e nel Cretaceo da scheletri calcarei di minuscoli animali, principalmente di cuore aperto, che vivevano in numero enorme nei mari di quel tempo. Le rocce vulcaniche si sono formate in modo completamente diverso. La loro formazione era strettamente correlata al secondo elemento: il fuoco. Durante la formazione della Terra, la materia è stata calda e plastica per molto tempo. Era anche in costante movimento. Nel tempo, questa massa si è indurita e ora solo all'interno della Terra rimane liquida. Ciò è evidenziato dai vulcani attivi. La lava espulsa da loro si indurisce immediatamente, creando una sostanza apparentemente inanimata. C'è un fenomeno particolare: sul minerale indurito, il terreno fertile si forma molto rapidamente. Il segreto di questa fertilità non risiede solo nella sostanza stessa e non può essere spiegato con l'analisi chimica. La lava ha proprietà, che il chimico non sa spiegare. Sono usati dal contadino o dal giardiniere, che fonda vigneti e terreni agricoli alle pendici del vulcano. La lava fresca non si trova più nell'Europa centrale, come sull'Etna o sul Vesuvio in Italia. Tuttavia, puoi ammirare le bellissime montagne di basalto, sfruttato su ampie superfici per la produzione di inerti (Kaiserstuhl, Schwarzwald, Odenwald). Basalto stagionato, cambiato in farina e aggiunto a letame o compost, li arricchisce di importanti microcomponenti e favorisce la formazione di un complesso argilla-humus. La farina di basalto è un'ottima aggiunta ai terreni pesanti e sabbiosi poveri di argilla. La prima dose è di 1-2 t / ha ed è sufficiente per diversi anni. Con uso annuale regolare, per esempio.. nei frutteti o nei giardini, Sono sufficienti 200-300 kg / ha. Prima di coltivare ortaggi in serra sensibili (per esempio.. lattuga in inverno) è applicato in una forma polverosa al suolo, grazie al quale la crescita delle piante è migliore e la loro sensibilità alle malattie fungine e virali è ridotta.

I singoli basalti differiscono nel loro contenuto di calcio, magnesio e altri elementi. È interessante confrontare la composizione chimica del basalto e della farina secca, limo eccezionalmente fertile del Nilo (tavolo).

tmpdd5a-1